logo CDE
medicina estetica visoMedicina
Estetica viso
medicina rigenerativa viso corpoMedicina Rigenerativa
viso e corpo
eliminazione grasso localizzatoEliminazione
grasso localizzato
rimodellamento corpo soluzioni anticelluliteRimodellamento corpo
e soluzioni anticellulite
lift palpebra felc plexerLift palpebra
con felc & plexer
soluzioni prp e prf per capelliSoluzioni avanzate
per i capelli
soluzioni odontoiatriaSmile! Soluzioni
di odontoiatria
cosmesi, consigli degli espertiCosmesi top: i
consigli degli esperti
il blog del dott capraraIl blog del
Dott. Caprara
medicina estetica senza aghiMedicina Estetica
senza aghi
medicina e chirurgia vascolareMedicina e
Chirurgia vascolare
chirurgia esteticaChirurgia
Estetica
medicina intimaMedicina
rigenerativa intima
rimozione cisti senza chirurgiaRimozione cisti
senza chirurgia
 

FOSFATIDILCOLINA E SODIO DESOSSICOLATO

Quando
serve

Per la riduzione delle adiposità localizzate in zone come addome, fianchi e coulotte de cheval.

Ritorno alla
vita sociale

Il recupero post trattamento è immediato, permangono dei leggeri gonfiori che si risolvono in 48 ore circa.

Prezzi
 

Il costo è di 180 euro a settore

I settori trattabili:
-Addome zona sovra ombelicale
-Addome zona sotto ombelicale
-Zona sovra iliaca (maniglie dell’amore)
-Cosce
-Coulotte de chaval
-Interno ginocchio
-Zona sotto glutea

 

Hai letto il  >>testo introduttivo<<  di fondamentale
importanza per capire quale tipo di terapia fa al caso tuo?


E’ un trattamento che ha avuto un grande successo fin dai primi anni 2000 per la riduzione delle adiposità localizzate in zone come addome, fianchi e coulotte de cheval.

Nella composizione del farmaco liporiducente, la fosfatidilcolina è la componente più famosa, ma troviamo anche una seconda molecola, il Sodio Dessossicolato che ulteriori studi hanno dimostrato essere la molecola che ha maggior capacità di distruggere il grasso.

Nella storia della lipolisi, due sono i nomi commerciali di riferimento Belkyra®, Aqualyx® e ovviamente le formulazioni galeniche.

La tecnica, nota anche come “lipolisi iniettiva, intralipoterapie, lipodissolve ecc“, ha inizio nel 1999, quando la dermatologa brasiliana Patricia Guedes Rittes, per la prima volta al mondo pubblicò un articolo scientifico dove riportava la sua esperienza nell’infiltrazione a base di fosfatidilcolina e sodio desossicolato in grado di ridurre il gonfiore delle borse adipose della palpebra inferiore.



Nel 2003, la stessa dermatologa pubblicò la sua esperienza nell’utilizzo di questa tecnica per ridurre le adiposità localizzate nell’ addome, fianchi e altre zone del corpo.  

In questi anni, si riteneva che la fosfatidilcolina fosse l’agente principale della distruzione delle cellule di grasso, ma nel 2006 il Dr Rotunda, negli USA, dimostrò che non era la fosfatidilcolina ma bensì il sodio desossicolato ad essere in grado di “sciogliere gli adipociti”. Questo è stato un anno fondamentale per la giusta conoscenza del trattamento iniettivo delle adiposità localizzate.  

Nell’Aprile 2015, negli Stati Uniti, veniva approvato dalla FDA per la prima volta al mondo, l’utilizzo di un farmaco contenente sodio desossicolato, il cui scopo era quello di eliminare in modo permanente, solo tramite infiltrazioni, il grasso del doppio mento.

Il farmaco in questione era Kybella® e dopo numerose ricerche scientifiche, finalmente era approvato dalla FDA un trattamento per le adiposità localizzate, anche se “ufficialmente” solo per il doppio mento.  

Una domanda nasce spontanea: perché Kybella®, contenete sodio desossicolato, è autorizzato solo per il trattamento del doppio mento?

Il motivo è che i farmaci, per essere messi in commercio, necessitano studi che garantiscano la sicurezza di applicazione in quello specifico sito anatomico, dato che gli studi effettuati sul Kybella® erano stati effettuati solo sul grasso sotto mentoniero per cui questo farmaco ha ricevuto l’approvazione per l’esclusivo trattamento di quest’area.

Dopo questa necessaria spiegazione, risulta chiaro che Kybella® possa essere utilizzato anche per le adiposità del corpo sebbene nella cosiddetta modalità “off label”. 

Nel Gennaio 2017, in Italia, Kybella® viene finalmente registrato anche nella Gazzetta Ufficiale del Farmaco con la denominazione Belkyra®; in sintesi, Belkyra® è il nome Italiano dell’americano Kybella®!  

Tuttavia, serve ricordare che anche Belkyra®, in quanto farmaco, non è esente da possibili complicanze e che la tecnica iniettiva è estremamente operatore dipendente.

Per ridurle al minimo i rischi, è essenziale rivolgersi ad un professionista che sappia infiltrare nel giusto modo questo farmaco.


  Una domanda che mi viene posta spesso dai pazienti: “ Meglio utilizzare Belkyra® o una formulazione galenica?”  

Come spiegato prima, Belkyra® è un farmaco registrato specificatamente per il trattamento del doppio mento, ciò significa che se utilizzato su altre zone, l’azienda produttrice non avrebbe nessuna responsabilità a riguardo.

Quindi una scelta razionale la si può elaborare considerando che:
  • Le formulazioni galeniche di acido desossicolico se utilizzate su aree del corpo sono da considerarsi una procedura off label...
  • Belkyra® utilizzato in altri distretti corporei è da considerarsi una procedura off label...


Considerando gli altissimi costi delle fiale di Belkyra, considerando che entrambe procedure sono “off label” e considerando per i trattamenti corpo servono quantità di farmaco piuttosto abbondanti da iniettare, conviene sicuramente utilizzare formulazioni galeniche, il costo finale al Paziente si riduce notevolmente mantenendo la sicurezza a livelli elevatissimi!

Riassumendo: La tecnica è utilizzabile in qualunque altra zona del corpo: addome, gambe, braccia, schiena, torace ecc. sia nella donna che nell’uomo.
Rappresentata una eccellente alternativa medica, semplice e sicura, alla lipoaspirazione, una tecnica chirurgica che prevede l’asportazione del grasso mediante suzione. 


La liposuzione però è un vero e proprio intervento chirurgico, con tutti i rischi e i costi che questo comporta. Si esegue in sala operatoria, in anestesia, con un decorso post-operatorio che richiede riposo, attenzioni, e adeguate medicazioni compressive. 

La tecnica con fosfatidilcolina e del sodio desossicolato è quindi una grande innovazione che prevede delle semplici iniezioni direttamente nello strato adiposo, che determineranno la fuoriuscita del grasso dagli adipociti e il suo smaltimento, per vie naturali, affinando così il profilo di addome, braccia, glutei e cosce..



Qual è il protocollo?
Si esegue un trattamento ogni 20 giorni circa sino al risultato che normalmente prevede da 4 a 6 sedute.
La terapia è di tipo iniettivo, con un singolo ago sottilissimo e una serie di iniezioni nel pannicolo adiposo.

Il dolore è praticamente nullo e l’unico rischio è avere qualche piccolo livido che si risolve in pochi giorni. Il recupero post trattamento è immediato, permangono dei leggeri gonfiori che si risolvono in 48 ore circa.
Il costo è di 180 euro a settore

I settori trattabili:
Addome zona sovra ombelicale
Addome zona sotto ombelicale
Zona sovra iliaca (maniglie dell’amore)
Cosce
Interno ginocchio
Zona sotto glutea



Bibliografia SODIO DESSOICOLATO
1.  Deoxycholic acid. Sigma Aldrich
2.  Lide, David R. (1998). Handbook of Chemistry and Physics (87 ed.). Boca Raton, FL: CRC Press. p. 1287. ISBN 0-8493-0594-2.
3.  Streuli, H. et al. (1992) SLMB – Schweizer Lebensmittelbuch, chapter 58, 4/3
4.  Neugebauer, J.M. (1990) "Detergents: An Overview" in M.P. Deutscher, Guide to Protein Purification (Methods in Enzymology Vol. 182), Academic Press, San Diego
5.  Sodium deoxycholate. nzp.co.nz
6.  Duncan D, Rotunda AM (2011). "Injectable therapies for localized fat loss: state of the art". Clin Plast Surg. 38 (3): 489–501, vii. doi:10.1016/j.cps.2011.02.005. PMID 21824545.
7.  Christensen, Jørn B. (2001). "A Simple Method for Synthesis of Active Esters of Isonicotinic and Picolinic Acids". Molecules. 6: 47–51. doi:10.3390/60100047.
8.  Kim, Jin-Baek; Lee, Bum-Wook; Yun, Hyo-Jin; Kwon, Young-Gil (2000). "193-nm Photoresists Based on Norbornene Copolymers with Derivatives of Bile Acid". Chemistry Letters. 29 (4): 414–15. doi:10.1246/cl.2000.414.
9. "FDA approves treatment for fat below the chin". Food and Drug Administration. April 29, 2015.
10.  "ATX-101 – Kythera Biopharmaceuticals". Kythera.com. 2014-06-20. Retrieved 2016-11-02.
11.  Christensen, Jen (2015-05-01). "Double chin begone: It's an FDA yes for fat buster". CNN.com. Retrieved 2016-11-02.
12.  Fredriksen JH, Rosenqvist E, Wedege E, et al. (December 1991). "Production, characterization and control of MenB-vaccine "Folkehelsa": an outer membrane vesicle vaccine against group B meningococcal disease". NIPH Ann. 14 (2): 67–79; discussion 79–80. PMID 1812438.
13.  MeNZB™ – Use science not opinion!. scoop.co.nz (10 June 2005)
14.  Chen, Xin; Mellon, Richard Daniel; Yang, Lu; Dong, Huifang; Oppenheim, Joost J; Howard, Ola Mae Zack (February 2002). "Regulatory effects of deoxycholic acid, a component of the anti-inflammatory traditional Chinese medicine Niuhuang, on human leukocyte response to chemoattractants". Biochemical Pharmacology. 63 (3): 533–41. doi:10.1016/S0006-2952(01)00917-0. PMID 11853704.
15. Magotti P, Bauer I, Igarashi M, Babagoli M, Marotta R, Piomelli D, Garau G (Dec 2014). "Structure of Human N-Acylphosphatidylethanolamine-Hydrolyzing Phospholipase D: Regulation of Fatty Acid Ethanolamide Biosynthesis by Bile Acids". Structure. 23 (3): 598–604. doi:10.1016/j.str.2014.12.018. PMC 4351732 . PMID 25684574.
16.  Vlček B.: Potentiation of the immune response with DCA (Czech), Prakt.Lekar 52, 326–30 (1972)
17.  Chyle M., Chyle P.: Regulation of the immune response with DCA(Czech, engl. summary), Sbornik lek. 84, 212–18 (1982)
18.  Vlček B. (1972) "Deoxycholic acid as a potential cancerostatic and antiviral factor", pp. 145–47 in Advances in Antimicrobial and Antineoplastic Chemotherapy, Vol. II/1. Urban & Schwarzenberg, München
19.  Chyle M., Chyle P., Dolezal V. (Inst. f. hygiene and epidemiology, Prag): Deoxycholic acid – Therapy of viral infections and a toxicological inquiry 2nd Symp. on Prevention and Treatment of Viral Infections, Bechyne Castle 1988, pp. 56 ff.
20.  Chyle M. (Universität Prag), Chyle P.: Deoxycholic acid in therapy of herpes labialis (Czech, engl. summary), Cas. Lek. ces. 114, 1226–29 (1975)
21.  Bradna J. (Poliklinik, Kutna Hora): Treatment of herpes zoster with deoxycholic acid (Czech, engl. summary), Rehabilitacia (Bratislava) 16, 77–86 (1983)
22.  Vlček B.; Reif A.; Budsky F. (1970). "Toxicity of deoxycholate at pH below 7,3 as a potential cancerostatic property'". Experientia. 26 (7): 776–78. doi:10.1007/BF02232545. PMID 5431154.
23.  Vlček B.; Reif A.; Seidlova B. (1971). "Evidence of the participation of deoxycholate in cancer
immunity". Zeitschrift für Naturforschung B. 26 (5): 419–24. doi:10.1515/znb-1971-0509. PMID 4398280.
24. Prasad AR, Prasad S, Nguyen H, Facista A, Lewis C, Zaitlin B, Bernstein H, Bernstein C (2014). "Novel diet-related mouse model of colon cancer parallels human colon cancer". World J Gastrointest Oncol. 6 (7): 225–43. doi:10.4251/wjgo.v6.i7.225. PMC 4092339 . PMID 25024814.
25.  Bernstein H, Bernstein C, Payne CM, Dvorakova K, Garewal H (Jan 2005). "Bile acids as carcinogens in human gastrointestinal cancers". Mutat. Res. 589 (1): 47–65. doi:10.1016/j.mrrev.2004.08.001. PMID 15652226.
26.  Tsuei J, Chau T, Mills D, Wan YJ (Nov 2014). "Bile acid dysregulation, gut dysbiosis, and gastrointestinal cancer". Exp Biol Med (Maywood). 239 (11): 1489–504. doi:10.1177/1535370214538743. PMC 4357421 . PMID 24951470.
27.  Ajouz H, Mukherji D, Shamseddine A (May 2014). "Secondary bile acids: an underrecognized cause of colon cancer". World J Surg Oncol. 12 (1): 164. doi:10.1186/1477-7819-12-164. PMC 4041630 . PMID 24884764.
28.  Ames BN (1979). "Identifying environmental chemicals causing mutations and cancer". Science. 204 (4393): 587–93. doi:10.1126/science.373122. PMID 373122.
29.  Tudek B, Winczura A, Janik J, Siomek A, Foksinski M, Oliński R (May 2010). "Involvement of oxidatively damaged DNA and repair in cancer development and aging". Am J Transl Res. 2 (3): 254–84. PMC 2892402 . PMID 20589166.
30.  Bernstein C, Prasad AR, Nfonsam V, Bernstein H. (2013). DNA Damage, DNA Repair and Cancer, New Research Directions in DNA Repair, Prof. Clark Chen (Ed.), ISBN 978-953-51-1114-6, InTech
31.  Bernstein C, Holubec H, Bhattacharyya AK, Nguyen H, Payne CM, Zaitlin B, Bernstein H (2011). "Carcinogenicity of deoxycholate, a secondary bile acid". Arch Toxicol. 85 (8): 863–71. doi:10.1007/s00204-011-0648-7. PMC 3149672 . PMID 21267546.
32.  Ou J, DeLany JP, Zhang M, Sharma S, O'Keefe SJ (2012). "Association between low colonic short-chain fatty acids and high bile acids in high colon cancer risk populations". Nutr Cancer. 64 (1): 34–40. doi:10.1080/01635581.2012.630164. PMID 22136517.
33.  American Cancer Society. Cancer Facts and Figures 2009.
34.  O'Keefe SJ, Kidd M, Espitalier-Noel G, Owira P (May 1999). "Rarity of colon cancer in Africans is associated with low animal product consumption, not fiber". Am. J. Gastroenterol. 94 (5): 1373–80. doi:10.1111/j.1572-0241.1999.01089.x. PMID 10235221.
35.  David LA, Maurice CF, Carmody RN, Gootenberg DB, Button JE, Wolfe BE, Ling AV, Devlin AS, Varma Y, Fischbach MA, Biddinger SB, Dutton RJ, Turnbaugh PJ (2014). "Diet rapidly and reproducibly alters the human gut microbiome". Nature. 505 (7484): 559–63. doi:10.1038/nature12820. PMC 3957428 . PMID 24336217.
36. Han Y, Haraguchi T, Iwanaga S, Tomotake H, Okazaki Y, Mineo S, Moriyama A, Inoue J, Kato N (2009). "Consumption of some polyphenols reduces fecal deoxycholic acid and lithocholic acid, the secondary bile acids of risk factors of colon cancer". Journal of Agricultural and Food Chemistry. 57 (18): 8587–90. doi:10.1021/jf900393k. PMID 19711910.
37.  "Phenol-Explorer: Showing all foods in which the polyphenol Caffeic acid is found". Phenol-explorer.eu. Retrieved 2016-11-02.
38.  Clifford M (1999). "Chlorogenic acids and other cinnamates – nature, occurrence and dietary burden". J. Sci. Food Agric. 79 (3): 362–72. doi:10.1002/(sici)1097-0010(19990301)79:33.0.co;2-d.
39.  Liaset B, Hao Q, Jørgensen H, Hallenborg P, Du ZY, Ma T, Marschall HU, Kruhøffer M, Li R, Li Q, Yde CC, Criales G, Bertram HC, Mellgren G, Ofjord ES, Lock EJ, Espe M, Frøyland L, Madsen L, Kristiansen K (2011). "Nutritional regulation of bile acid metabolism is associated with improved pathological characteristics of the metabolic syndrome". The Journal of Biological Chemistry. 286 (32): 28382–95. doi:10.1074/jbc.M111.234732. PMC 3151081 . PMID 21680746.
40.  Bortolotti M, Kreis R, Debard C, Cariou B, Faeh D, Chetiveaux M, Ith M, Vermathen P, Stefanoni N, Lê KA, Schneiter P, Krempf M, Vidal H, Boesch C, Tappy L (2009). "High protein intake reduces intrahepatocellular lipid deposition in humans". Am. J. Clin. Nutr. 90(4): 1002–10. doi:10.3945/ajcn.2008.27296. PMID 19710199.
41.  Ungefroren H, Gieseler F, Fliedner S, Lehnert H (2015). "Obesity and cancer". Hormone molecular biology and clinical investigation. 21(1): 5–15. doi:10.1515/hmbci-2014-0046. PMID 25719336.
42. Bradlow HL (2014). "Obesity and the gut microbiome: Pathophysiological aspects". Hormone molecular biology and clinical investigation. 17 (1): 53–61. doi:10.1515/hmbci-2013-0063. PMID 25372730.
43.  Devkota S, Turnbaugh PJ (2013). "Cancer: An acidic link". Nature. 499 (7456): 37–38. doi:10.1038/nature12404. PMID 23803768.
44.  Ohtani N, Yoshimoto S, Hara E (2014). "Obesity and cancer: A gut microbial connection". Cancer Research. 74 (7): 1885–89. doi:10.1158/0008-5472.CAN-13-3501. PMID 24638983.
45.  Wertheim BC, Martínez ME, Ashbeck EL, Roe DJ, Jacobs ET, Alberts DS, Thompson PA (May 2009). "Physical activity as a determinant of fecal bile acid levels". Cancer Epidemiol Biomarkers Prev. 18 (5): 1591–98. doi:10.1158/1055-9965.EPI-08-1187. PMC 2743306 . PMID 19383885.
46.  Hagio M, Matsumoto M, Yajima T, Hara H, Ishizuka S (Sep 2010). "Voluntary wheel running exercise and dietary lactose concomitantly reduce proportion of secondary bile acids in rat feces". J Appl Physiol. 109 (3): 663–68. doi:10.1152/japplphysiol.00777.2009. PMID 20616226.
47.  Jeon JY, Meyerhardt JA (Jun 2013). "Exercise after cancer diagnosis: time to get moving". Oncology (Williston Park). 27 (6): 585–86. PMID 23909074.

 
Contattaci!

CHIAMA OGGI!

Prenota la tua consultazione con il Dott. Caprara.

La visita, estremamente accurata, con tutti gli accertamenti diagnostici del caso (manuali e strumentali) e della durata di 30 minuti, ha un costo di 80,00 euro. Tale costo viene scontato alla esecuzione della prima terapia rendendo, di fatto, la visita gratuita. I richiedenti che prenotassero la visita e non si presentassero o lo facessero in grave ritardo, non potranno fruire di questa formula una seconda volta.


Contattaci!
 
 
torna su