logo CDE
medicina estetica visoMedicina
Estetica viso
medicina rigenerativa viso corpoMedicina Rigenerativa
viso e corpo
eliminazione grasso localizzatoEliminazione
grasso localizzato
rimodellamento corpo soluzioni anticelluliteRimodellamento corpo
e soluzioni anticellulite
lift palpebra felc plexerLift palpebra
con felc & plexer
soluzioni prp e prf per capelliSoluzioni avanzate
per i capelli
soluzioni odontoiatriaSmile! Soluzioni
di odontoiatria
cosmesi, consigli degli espertiCosmesi top: i
consigli degli esperti
il blog del dott capraraIl blog del
Dott. Caprara
medicina estetica senza aghiMedicina Estetica
senza aghi
medicina e chirurgia vascolareMedicina e
Chirurgia vascolare
chirurgia esteticaChirurgia
Estetica
medicina intimaMedicina
rigenerativa intima
rimozione cisti senza chirurgiaRimozione cisti
senza chirurgia
 

FULL FACE SKIN REGENERATION

Quando
serve

A partire dai 45 anni o in caso di invecchiamento precoce

Ritorno alla
vita sociale

Immediato, solo qualche pomfo che scompare generalmente nel giro di un'ora

Prezzi
 

500 euro a seduta

 

2018: IL PROTOCOLLO DI RIGENERAZIONE PIU’ POTENTE AL MONDO DISPONIBILE IN CLINICA
Questa che state leggendo, è il frutto della ricerca in medicina estetica iniziato nel 2001 e aggiornato alla fine del 2017 presso l’università di Barcellona dalla mente vulcanica del Prof. Victor Garcia, il luminare che ha indicato fin dai primi passi, il percorso della moderna Medicina Estetica Rigenerativa.



Vedo già farsi spazio una domanda nel lettore: ma cos’è esattamente la Medicina Estetica Rigenerativa?
Avete presente quando vedete una persona palesemente rifatta, grottesca e innaturale?
Avete presente quello che pensate in quel momento? Lo immagino già!

Bene, la Medicina Estetica Rigenerativa nasce proprio per rispondere alla esigenza di noi tutti di apparire freschi e giovani senza correre il rischio di essere trasformati in caricature di noi stessi.

Come è facile intuire, quando state per leggere è il nuovo paradigma della Medicina Estetica e lo sarà almeno per i prossimi vent'anni.
La fine del botulino e delle terapie tradizionali?

Non lo penso in quanto la sinergia tra le terapie cosmetiche come il botulino e le terapie rigenerative, crea risultati straordinari, ma non è da escludere che queste ultime soppiantino le prime dato che con queste possiamo rigenerare, sottolineo rigenerare qualunque tessuto del volto, il derma, l’epidermide, il grasso e l’osso.
Tutte le terapie tradizionali potranno coesistere o essere abbandonate, in funzione di quello che noi stessi desideriamo.

Come vedremo la M.E.R. si applica non solo al viso, ma anche al corpo e a una delle zone che maggiormente soffre dei processi involutivi dell’invecchiamento: la sfera sessuale.
E’possibile infatti, recuperare funzionalità e fisiologia senza farmaci e senza effetti collaterali.


Queste terapie si sposano perfettamente con il Ribilanciamento Ormonale, (prossimamente disponibile nella nostra Clinica) il secondo pilastro su cui si baserà nei prossimi decenni, non solo la conservazione della qualità della vita e della giovinezza, ma anche il recupero con veri e proprie inversioni a U dei processi di invecchiamento.
Siete pronti per fare un salto nel futuro della Medicina Estetica?

PRIMO PASSO: RIGENERAZIONE CUTANEA CON CELLULE STAMINALI E FATTORI DI CRESCITA PIASTRINICI



E’ la nuova e ben più potente terapia che nasce dalla esperienza maturata negli ultimi dieci anni dal “vecchio” PRP, il plasma ricco di piastrine.

In cosa differisce?
Tutto nasce dalla evidenza clinica della differenza di risposta tra il soggetto giovane e il soggetto più anziano nei protocolli di stimolazione del derma.
Infatti, nella verifica scientifica, si evinceva che il fibroblasto giovane rispondeva in modo decisamente migliore rispetto al suo collega anziano.

Ma non solo, nella cellula “anziana” diminuiscono in numero di recettori di superficie e quindi lo stimolo che applichiamo, ottiene una risposta biologica inferiore.
Ancora più importante è la differente capacità produttiva delle sostanze che compongono il derma, da parte del fibroblasto giovane rispetto a quello vecchio!

Il fibroblasto giovane infatti, oltre a produrre ottimali quantità di proteoglicani ed elastina, produce collagene reticolare, cosiddetto di terzo tipo, mentre il fibroblasto vecchio, produce solo collagene di primo tipo, cioè fibrotico.

Cosa cambia?
Tutto!
Perché il marker della giovinezza della pelle, è il rapporto tra collagene reticolare tipico della pelle giovane, morbida e densa, e il collagene fibrotico, tipico della pelle matura.

Il grande limite del PRP quindi, è dato dal fatto che la potente stimolazione del fibroblasto vecchio genererà molto collagene fibrotico con ottimo risultato estetico, ma con un inferiore ringiovanimento biologico della cute.

Ulteriore problema: quando noi eseguiamo una stimolazione di carattere proliferativo su un fibroblasto anziano, questo può essere già vicino al limite di mitosi di Hayflick, (il numero massimo di mitosi di una cellula stabilito a livello genetico) e la cellula viene portata a morte più velocemente.

Era quindi necessario poter lavorare con fibroblasti giovani e attivi anche su persone over 50!
Come fare per usare le staminali senza i vecchi e costosissimi protocolli che prevedevano il loro recupero nel grasso addominale, noto per la ricchezza di staminali?




L’uovo di Colombo è stato la attenta analisi della letteratura sugli studi delle cellule staminali da parte del Prof Garcia e pensare che, come dice il validissimo Prof. Ceccarelli di Roma, tutto è già stato scoperto, serve solo leggere i risultati e applicarli in modo scientificamente rigoroso

La ricerca aveva già evidenziato che in tutti i tessuti sono presenti cellule staminali che hanno una funzione essenziale nel processo di riparazione del tessuto.

La logica cristallina di Garcia è stata la seguente: perché trapiantare con complessi e cruenti interventi le staminali se possiamo già usare quelle presenti nel tessuto che dobbiamo rigenerare?
Ma c’era un ultimo scoglio: come svegliare le staminali dormienti e informarle che dovevano differenziarsi nella cellula che ci serviva?

In letteratura, si era già evidenziato che sono i radicali liberi dell’ossigeno, in bassissima e in un ristrettissimo range di concentrazione, a determinare il risveglio delle staminali!



Il radicale libero, viene quindi usato come mediatore cellulare e permette di far differenziare la staminale in un fibroblasto nuovo di zecca in circa 21 giorni!
Anche terapie fantascientifiche come il prelievo di fibroblasti in soggetti giovani a 25 anni, la loro conservazione in azoto liquido, la successiva moltiplicazione e reimpianto quando il soggetto raggiungeva una età più matura, diventa obsoleto. (Questo procedimento è vietato in Italia e i costi sono proibitivi come potete immaginare)

Questa enorme massa di nuovi fibroblasti, permette finalmente una massiccia produzione di collagene reticolare (quello giovane, ricordate?) con un incredibile recupero della qualità della matrice dermica dove assisteremo a un vero ringiovanimento della pelle.

PROTOCOLLO CLINICO
Prima seduta:
il Paziente si reca in clinica e si sottopone alla seduta di risveglio delle cellule staminali e viene prescritto un esame ematico per valutare la concentrazione piastrinica del suo sangue e dell’ematocrito.



Seconda seduta:
Dopo circa 21 giorni, al paziente viene prelevata una quantità di sangue calibrata alla sua conta piastrinica in modo da avere la certezza di avere a disposizione la giusta quantità di Fattori di Crescita in funzione del tessuto da trattare e del numero di fibroblasti da stimolare, le terapie standard, uguali per tutti, fanno parte del passato.



La frazione plasmatica dopo aver centrifugato il sangue, viene iniettata del derma del paziente in modo che i fattori di crescita entrino nel derma e promuovano la moltiplicazione dei nuovi fibroblasti, la rigenerazione del derma, è iniziata!!

Nel paziente con una pelle particolarmente danneggiata, è possibile fare una seconda seduta con fattori di crescita dopo 6 ore dalla prima.
In questo caso, il reclutamento recettoriale sul fibroblasto, aumenta enormemente superiore, fino a 30 volte di più!

Terza seduta:
Dopo 30 giorni dalla seconda seduta, il Paziente viene sottoposto alla ultima seduta, quella che esalta al massimo il protocollo rigenerativo!
Si introduce nel derma la fibrina autologa del Paziente (la si crea con un veloce prelievo di sangue e una rapida centrifugazione) soprattutto nelle zone particolarmente bisognose – tipicamente la zona nasolabiale, il contorno occhi ecc –dove la fibrina crea una vera e propria impalcatura che sarà preferibilmente colonizzata dai nuovi fibroblasti e determineranno una straordinaria ristrutturazione dei tessuti.



Subito dopo, si inietta nel derma un pool di aminoacidi che ottimizzano, a loro volta, la sintesi di acido ialuronico, elastina e collagene.

Questo procedimento ci consente di ottenere la formazione di collagene reticolare e il reale ringiovanimento della pelle, verificato istologicamente presso l’Università di Barcellona.

Dato che il collagene o formato ha una durata di circa sei mesi, per mantenere un perfetto risultato sarà opportuno eseguire una seduta due volte all’anno.

 
Contattaci!

CHIAMA OGGI!

Prenota la tua consultazione con il Dott. Caprara.

La visita, estremamente accurata, con tutti gli accertamenti diagnostici del caso (manuali e strumentali) e della durata di 30 minuti, ha un costo di 80,00 euro. Tale costo viene scontato alla esecuzione della prima terapia rendendo, di fatto, la visita gratuita. I richiedenti che prenotassero la visita e non si presentassero o lo facessero in grave ritardo, non potranno fruire di questa formula una seconda volta.


Contattaci!
 
 
torna su